Author Archives: redazione

L’uomo oltre l’artista. Romano Ukmar a villa Prinz

di Barbara Leone «Tutti qui vedono scheletri e cadaveri. Per me è la vita». Queste parole di Romano Ukmar ( Trieste, 1919 – 1970) racchiudono perfettamente lo spirito della sua pittura che da una prima fase realista si orientò verso tendenze astratte, tuttavia sempre memori dell’iniziale realismo e per questo ricche di figure inquietanti e simboliche atte a governare lo

#Terza pagina 15. “Torta banane e noci”

Vi proponiamo un racconto scritto dal gruppo “Scrittori da Strapazzo”, realtà indipendente formata da appassionati di scrittura e narrativa. In fondo potete trovare una descrizione del loro progetto, insieme ai recapiti per contattarli.   Le domeniche sono il peggio. In modo assoluto. Senza termine nessun di paragone, senza associarle a nient’altro: non nel senso che le domeniche sono peggio dei

Sulla nostra pelle. “Cum patior”

di Francesca Ruina La “compassione” (dal latino cum patior, patire insieme) non è la “pena” (dal latino poena, castigo, ammenda): non è uno sguardo che separa un Io integro da un altro in frammenti, che divide un osservatore innocente da un soggetto in declino in quanto supposto colpevole. Nella compassione questa distinzione crolla, il concetto di colpa svanisce, sostituito da

Terza pagina #14. “I tossici, gli anni Novanta e l’ordinaria domenica di Jenky-Janka”

di Giulio De Belli Era per me doveroso scrivere di quest’uomo. Grazie a lui ho potuto creare un repertorio di canzoni rock che mi ha permesso di fare discrete incisioni e ottimi concerti per anni. Le sue storie erano tutte tragicamente vere e lui era solito raccontarle con naturale e autentica semplicità: la cronaca della sua vita disperata, gli episodi

Un nido di candide piume. Una lettura “altra” del 5 maggio

di Alessandra Trevisan Chiamò Henritte e le disse: “Voglio un requiem per lui; desidero tributargli un onore letterario, vergine da ogni patriottismo, che si rivelerebbe altrimenti, per la sua fragilità sillogica, assolutamente vano. Penso alla storia e penso all’uomo che tutto in sé racchiuse. In questo consistette la sua grandezza, nell’aver raccolto la sfide dell’agire e sopportato le sconfitte” Non

“Tintoretto – A star was born”

di Michele Guida Conte Spetta al museo Wallraf-Richartz di Colonia il compito – o meglio l’onore – di inaugurare il ciclo di mostre dedicato al cinquecentesimo anniversario della nascita di Jacopo Tintoretto (1518 – 1594), pittore nato, cresciuto e formatosi a Venezia, definito da Giorgio Vasari come “il più terribil pennello che la pittura abbia mai avuto”, e che pure

I nostri prossimi appuntamenti, tra “Vicino/Lontano” e “scuola del sospetto”

Come alcuni di voi già sapranno, abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding per la realizzazione del prossimo numero di Charta Sporca, dedicato al tema “Distopie” (qui tutte le informazioni). Nel frattempo, con in saccoccia il nostro nuovo numero zero, abbiamo in programma diversi appuntamenti, per conoscere nuove persone e rivedere amiche e amici di lungo corso. Dopo esserci presentati nella

« Older Entries