“Bill”, di Helen Humphreys

#libridafemminucce

di Francesca Macor

Bill è un emarginato da quando è tornato dalla guerra, vive sotto una collina di terra, caccia conigli per farne amuleti e rifugge il contatto umano. Leonard è un bambino ed è l’unico a passare del tempo con lui: bullizzato dagli altri maschi della sua età, cerca la compagnia delle bambine e sviluppa un attaccamento morboso verso l’uomo. Un’ossessione che non fa che aumentare anche dopo aver assistito a un suo atto di lucida violenza, e che si ripercuoterà sulla sua vita adulta e sulla sua carriera psichiatrica.

Bill, di Helen Humphreys, editore Playground, riprende un fatto di cronaca nera del 1947 e lo analizza nei particolari artefatti della memoria di un bambino, prima di rivelare il quadro intero della realtà. Come la violenza che non è mai evidente, ma consentita, normalizzata e per questo obnubilata, emerge nei comportamenti nei modi più disparati, così scopriamo come ogni singolo dettaglio di questo libro sia collegato al successivo, finché tutto non acquista senso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*