1984, trent’anni dopo

Presentazione del nuovo numero di Charta Sporca, in uscita sabato 20 settembre

Lesley_Barnes_1984 di Stefano Tieri

“Il pensiero non esisterà più, almeno non come lo intendiamo ora. Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza sono la stessa cosa”. Il ministero della Verità (rigorosamente con la V maiuscola) penserà anche per te cosa è vero e cosa non lo è: non dovrai più fare alcuna fatica. Il Partito sostiene che l’Eurasia non è mai stata in guerra con l’Oceania? Tu, caro Smith, puoi anche ricordare il passato diversamente, ma ciò non ha alcuna importanza: “se tutti i documenti raccontano la stessa favola, ecco che la menzogna diventa un fatto storico, quindi vera”. E poi, mio caro Smith, chi mai credi di essere tu? “Tu sei fuori dalla storia, tu non esisti”.

La guerra viene utilizzata dai governanti delle tre superpotenze mondiali (Eurasia, Oceania, Estasia) come strumento per indebolire e distrarre le proprie popolazioni: “è un modo per mandare in frantumi, scaraventare nell’atmosfera, affrondare negli abissi marini, materiali che altrimenti potrebbero essere usati per rendere le masse troppo agiate e, a lungo andare, troppo intelligenti”.

Al fine di esercitare il controllo necessario a evitare ogni forma di rivolta sociale, è stato sufficiente avvalersi dei teleschermi e della psicopolizia. Quanto ai primi, è bastato metterne uno in ogni casa e lasciarlo perennemente acceso per coglierne gli effetti benefici. Ci abbiamo installato anche una telecamera all’interno, in modo tale da catturare il più piccolo spostamento (le telecamere ti accompagnano anche lungo le strade della città, come sai bene) e poter, infine, prevedere ogni tua mossa. E non credere di essere al sicuro quando, in silenzio, provi a far funzionare quel rottame arrugginito che ti ritrovi in testa: la psicopolizia conosce anche i tuoi pensieri più reconditi.

Caro Smith, perché ti guardi attorno con tanta apprensione? Tutto questo è soltanto un romanzo, tu sei solo un personaggio (come ti dicevo prima: “non esisti”), pura finzione: noi non siamo in guerra ma, semmai, in “missione di pace”; noi non vogliamo che i cittadini pensino con la testa di qualcun altro ma, appena possibile, tagliamo su cultura e istruzione; noi le telecamere le mettiamo ovunque ma – ricordalo – soltanto per la tua sicurezza; e se ripetiamo giorno dopo giorno la Verità che costruiamo con tanta fatica, è perchè il conoscerla e condividerla è per tutti il Bene più auspicabile. Perché noi ti conosciamo, Smith, sappiamo tutto di te. Ricordi? Le informazioni ce le hai date tu stesso, con il tuo consenso. A cosa serve la psicopolizia ai tempi dei social network?

Rispondi

Commenta per primo!

Avvisami
avatar
wpDiscuz